Riabilitazione con protesi fisse in zirconio-ceramica e corone in ceramica integrale per il gruppo incisivo superiore.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
INTRODUZIONE

Autore: Dott. Boni

Età 36 anni
Sesso femminile
Professione impiegata
Anamnesi generale negativa
Vorrebbe migliorare l’aspetto dei propri denti
La paziente esclude trattamenti implantari a causa dei precedenti insuccessi.

Caso di riabilitazione dove, in un quadro di gengivite generalizzata ed in assenza di controllo di placca non sussistono lesioni al parodonto profondo da richiedere un trattamento chirurgico. Sono presenti delle protesi fisse incongrue e c’è una forte richiesta di un miglioramento estetico da parte della paziente. L’assenza dei primi molari inferiori e la conseguente mesioinclinazione dei secondi molari ha richiesto un breve trattamento ortodontico per il corretto riposizionamento dei primi molari antecedente alla protesizzazione.

E’ stato escluso il trattamento implantare non solo per le insistenti richieste della paziente, ma anche per il fatto che nell’arcata superiore gli elementi naturali pilastro coinvolti sarebbero stati più che sufficienti, mentre nell’arcata inferiore le zone edentule create dalla distalizzazione dei secondi molari presentavano creste ossee estremamente sottili.


Il caso è stato affrontato con una riabilitazione con protesi fisse in zirconio-ceramica e corone in ceramica integrale per il gruppo incisivo superiore.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
MOTIVO PRIMA VISITA: FRATTURA CORONALE DEL 21

Prima visita: soluzione provvisoria della frattura del 21, inoltre sono prescritti:
- Esame radiografico delle arcate dentarie
- Modelli di studio
- 4 sedute di preparazione iniziale igienica
- Sondaggio e rivalutazione perio-protesica

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
PRIMA VISITA

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
ESAME RADIOGRAFICO COMPLETO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
MODELLI DI STUDIO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
SONDAGGIO PARADONTALE COMPLETO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
RIVALUTAZIONE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
RIVALUTAZIONE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40
RIVALUTAZIONE: VISIONE PALATINA E LINGUALE

PIANO DI TRATTAMENTO DEFINITIVO

Estrazioni 28 38 48
Endodonzia 12 22
Ricostruzioni con perno in fibra 12 22
Intarsio in ceramica 44
Uprighting 37 47
Primi provvisori 16 15 14 13 12 11 21 22 23 24 25 26 27 35 36 37 45 46 47
Secondi provvisori 16 15 14 13 12 11 21 22 23 24 25 26 27 35 36 37 45 46 47
Corone in ceramica integrale 12 11 21 22
Corone zirconio-ceramica 16 15 14 13 23 24 25 26 27 35 36 37 45 46 47

NOTE

La paziente alcuni anni prima è stata sottoposta a trattamento implantare nelle aree 14 e 24. L’impianto sul 24 è stato inserito due volte a causa di insuccessi nella fase di integrazione e poi è nuovamente fallito causando un lungo periodo di dolore e disagio alla paziente. L’impianto in zona 14 appare radiograficamente integrato ed è completamente sommerso dalla mucosa gengivale. Viene quindi deciso di non intervenire sull’impianto escludendo ogni forma di condizionamento gengivale con l’elemento intermedio della nuova protesi fissa per evitare rischiose comunicazione tra impianto e cavità orale.

Sono stati previsti i trattamenti endodontici dei soli 12 e 22 perché la distruzione cariosa di tali elementi non avrebbe permesso la realizzazione di monconi protesici con caratteristriche adeguate in termini di ritenzione e resistenza. Tutti gli altri elementi pilastro sono stati mantenuti vitali.

I sondaggi nelle zone mesiali degli elementi 37 e 47 sono stati rivalutati dopo il trattamento ortodontico di riposizionamento di detti elementi. L’assenza di lesioni parodontali in tale fase ha permesso la realizzazione delle protesi inferiori senza la necessità di alcun trattamento chirurgico.

PREPARAZIONI PER I PRIMI PROVVISORI

PROVA E RIBASATURA DEI PROVVISORI PRELIMATURE

PROVVISORI PRELIMATURA CEMENTATI.

Foto del viso e impronte saranno i riferimenti per la realizzazione dei secondi provvisori armati.

CONTROLLO A 10 GIORNI

CONTROLLO DELL’ESTETICA DEI PROVVISORI PRELIMATURA

PROVVISORI ARMATI. SEDUTA DI CEMENTAZIONE.

CONTROLLO DEI PROVVISORI ARMATI A UNA SETTIMANA

CONTROLLI SUCCESSIVI DEI PROVVISORI ARMATI E DEI TESSUTI GENGIVALI

LE FASI DEL TRATTAMENTO ORTODONTICO

IMPRONTE DEFINITIVE.

Tecnica del doppio filo, materiale impregum + permadine

IMPRONTE SUPERIORI

Il piccolo gemizio di sangue nella zona palatina del 16 è stato controllato con l’applicazione del secondo filo.

IMPRONTE INFERIORI

LE TRE CERE DI CENTRICA

REGISTRAZIONE PANTOGRAFICA

PROVA STRUTTURE

Zirconio 16 15 X 13
Zirconio 26 25 X 23
Zirconio 37 X 35
Zirconio 47 X 45
Ceramica pressofusa 12 11 21 22

PROVA STRUTTURE

STRUTTURE REIMPRONTATE

In questa fase viene eseguita l’impronta del 44 per la realizzazione dell’intarsio in ceramica

ELEMENTO 44

Prepazione, impronta, intarsio in ceramica cementato.

PROVA DELLA CERAMICA

PROVA DELLA CERAMICA

PROVA DELLA CERAMICA: ULTERIORI VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI ESTETICI.

IMPRONTE DI POSIZIONE E CERE PER IL RIMONTAGGIO

CEMENTAZIONE

Nei settori posteriori i manufatti in zircono sono cementati con cemento resinoso automordenzante (unicem 3M), previa applicazione di un filo nel solco gengivale per il controllo dell’umidità e per facilitare le manovre di rimozione del cemento.

Il gruppo frontale superiore è stato cementato con una tecnica adesiva che prevedeva la mordenzatura, silanizzazione e adesione dei manufatti, la mordenzatura e l’adesione dei monconi e la cementazione con cemento resinoso auto-foto polimerizzante (Relyx Arc 3M).

CONTROLLO A UN MESE DALLA FINE DEL TRATTAMENTO

CONTROLLO A UN MESE DALLA FINE DEL TRATTAMENTO

CONTROLLO A UN MESE

CONTROLLO A UN MESE

CONTROLLO A UN MESE

PRIMA E DOPO

PRIMA E DOPO

CONTROLLO RADIOGRAFICO A FINE TRATTAMENTO

Tutte le immagini fotografiche pubblicate all'interno del sito WWW.AIOP.COM, sono di titolarità esclusiva dei relativi autori; ne è pertanto vietata la riproduzione, permanente o temporanea, l'adattamento, la comunicazione al pubblico, la diffusione, la distribuzione al pubblico senza il preventivo ed espresso consenso del titolare dei diritti d'autore sulle medesime immagini fotografiche.