Caso minimale invasivo

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
PRESENTAZIONE

Il paziente 65 anni, da poco in pensione, si presenta da noi con il desiderio di migliorare la sua situazione funzionale ed estetica.

La situazione del Sig. B.R. è parzialmente compromessa e si mettono in evidenza diffuse e profonde abrasioni che interessano tutti gli elementi dentali.

Di conseguenza va ristabilita una giusta occlusione con un aumento della dimensione verticale e va migliorata la linea del sorriso e l'estetica generale dei gruppi frontali.

Si decide, quindi, di realizzare una riabilitazione totale minimale invasiva, mediante Overlays in Disilicato di litio nei settori posteriori e delle Faccette in ceramica Feldspatica nei settori frontali.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
SITUAZIONE INIZIALE

- Denti abrasi;
- Linea sorriso negativa;
- Estetica insufficiente.

 

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
VIDEO SITUAZIONE INIZIALE

L’utilizzo di materiale video è molto importante per lo studio del caso.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
SITUAZIONE INIZIALE

Modelli studio

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
SITUAZIONE INIZIALE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
FASE DIAGNOSTICA

Ceratura diagnostica con aumento della dimensione verticale di 4mm.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
FASE DIAGNOSTICA

Try-in mock-up corrispondente alla ceratura diagnostica.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
VIDEO CON MOCK-UP

Lasciando parlare il paziente e facendogli ripetere specifiche parole possiamo valutare se la lunghezza l’overjet del mockup sono corretti.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30
FASE DIAGNOSTICA

Provisorio prelimatura corrispondente al mock-up.

1. Scarico dei sottosquadri.

PREPARAZIONI POSTERIORI

Con l’aiuto di chiavi in silicone si preparano i dente esattamente dove necessario.

MODELLO ALVEOLARE

La cura nel separare i monconi e parallelizzazione è fondamentale.

MODELLO ALVEOLARE

1. / 2. Monconi fissati nell’impronta con della cera,alla base del moncone cera blu per poterlo individuare una volta nel gesso;

3./ 4./ 5./ 6. Duplicazione dei monconi con del silicone.

MODELLO ALVEOLARE

Modello alveolare con monconi refrattari in sito.

1./ 2. Fori che attraversano il gesso e il moncone refrattario in modo di avere sempre un controllo sull’esatto posizionarento nel alveolo.

MONTAGGIO IN ARTICULATORE

Superiore montato con arco facciale.

FASE DEFINITIVA

Ceratura realizzata direttamente sul materiale refrattario per riuscire a ottenere dei spessori molto fini e avere una maggior precisione.

FASE DEFINITIVA

Ceratura terminata con l’aiuto del mockup frontale per non perdere le dimensioni e le linee guida in precedenza prefissate.

FASE DEFINITIVA

Modellazione sul refrattario.

FASE DEFINITIVA

Prima di rivestire la ceratura è importante immergere nel liquido di rivestimento i monconi per evitare che al contatto con l’impasto non sottraggano un’eccessiva quantità di liquidi.

1./ 2. Ceratura su refrattario immersa nel liquido di rivestimento.

FASE DEFINITIVA

Disilicato di litio dopo un’accurata smuffolatura e dopo essere stata a bagno nell’apposito liquido per la pulizia superficiale.

1./ 2./ 3. Notare lo spessore delle pareti del restauro che in alcuni punti hanno raggiunto uno spessore di 0,1 mm.

FASE DEFINITIVA

Disilicato pressato, messo sul modello master e successivamente fatto calzare su un modello con monconi non sfilabili per il controllo della precisione dei punti di contatto e in fine provato in bocca.

FASE DEFINITIVA

Overlays e corone caratterizzate, glasate e in fine lucidate a mano con pomice e polvere di ceramica per raggiungere un naturale grado di lucentezza.

FASE DEFINITIVA

Sezioni posteriori terminati e sucessivamente cementati.

MORDENZATURA

1. Mordenzatura con acido fluoridrico hf al 5% per aumentare le microritenzioni del disilicato di litio.

2. É molto importante avere la superficie pulita quindi risciacquare e vaporizzare bene il restauro per
eliminare completamente lo strato di ceramica polverizzata creatasi durante la mordenzata.

FASE DEFINITIVA FRONTALI

Dopo la preparazione di chiavi in silicone del wax-up si procede alla preparazione dei denti frontali.

Come provvisorio utilizziamo una mascherina stampata.

MODELLO ALVEOLARE

Con l’impronta definitiva si procede alla colatura dei monconi, la rifinitura e la realizzazione del modello alveolare.

1. Fissaggio del moncone con della cera;

2. Fori nel gesso per avere sempre un controllo sul posizionamento.

MONCONI REFRATTARIO

Duplicazione dei monconi e sucessiva colata di rivestimento refrattario per realizzare i monconi sul quale stratificheremo la ceramica.

Trattamento dei monconi refrattari, con degasificazione e una cottura wash.

STRATIFICAZIONE VENEERS

Prima cottura dell’inferiore con il mock-up superiore per non perdere le linee guida.

Rifinito l’inferiore si inizia con la stratificazione del superiore e la successiva asciugatura e cottura.

STRATIFICAZIONE VENEERS

Prima cottura superiore e inferiore.

RIFINITURA VENEERS

Ceramica rifinita e pronta per la seconda cottura o preglasura con l’aggiunta di caratterizzazioni.

1./ 2. Con l’aiuto di una mina rossa si marcano le zone di riflessione della luce per creare armonia fra le forme e la creazione di zone irregolari per creare ulteriori caratterizzazioni.

VENEERS ULTIMATI

Veneers lucidate smuffolate e fatte calzare su un modello intero per sopperire alle piccole imprecisioni del modello alveolare.

LAVORO ULTIMATO

LAVORO ULTIMATO

Prima e dopo

LAVORO ULTIMATO

LAVORO ULTIMATO

LAVORO ULTIMATO

1. Prima;

2. Dopo.

SITUAZIONE INIZIALE

1. Prima;

2. Dopo.

RINGRAZIAMENTI

Vorrei spendere due righe per ringraziare la Dr.ssa. Francin Brandenberg e il Dr. Goran Benic che senza la loro sinergia e il loro costate Supporto questo caso non sarebbe stato possibile da realizzare.
Inoltre vorrei ringraziere il Dr. PD. Daniel Thoma e il Dr.Prof. Chrisoph Hämmerle per gli stimoli che giornalmente ricevo e la fiducia a me concessa.
Un grosso grazie al mio Maestro e amico Alwin Schönenberger per aver messo al proprio posto tutto quello che avevo nel mio zaino....
Infine grazie alla mia famiglia che da sempre mi supporta e a mia moglie per la sua pazienza e l’ispirazione che giornalmente mi regala.

Tutte le immagini fotografiche pubblicate all'interno del sito WWW.AIOP.COM, sono di titolarità esclusiva dei relativi autori; ne è pertanto vietata la riproduzione, permanente o temporanea, l'adattamento, la comunicazione al pubblico, la diffusione, la distribuzione al pubblico senza il preventivo ed espresso consenso del titolare dei diritti d'autore sulle medesime immagini fotografiche.